Borsa americana (AMEX): definizione e storia


L'American Stock Exchange (AMEX) è il più grande mercato situato a New York City, dove gli investitori commerciano con tutti i tipi di titoli come azioni, obbligazioni, opzioni, derivati e fondi di scambio (ETF).

Uno dei più grandi mercati di borsa degli Stati Uniti, l'American Stock Exchange (AMEX), era responsabile di proteggere la sicurezza 10% americana che è scambiato negli Stati Uniti. Tuttavia, il nome AMEX è stato cambiato in NYSE American poiché il NYSE Euronext ha acquisito lo scambio nel 2008. Alcuni altri nomi sono NYSE Azioni MKT e Amex.

Parliamo un po' di più della borsa americana e della sua storia di seguito.

Borsa americana (AMEX) in poche parole

  • Il più grande mercato di New York per la negoziazione di vari titoli.
  • Responsabile della protezione di 10% dei titoli negoziati americani.
  • Evoluto da New York Curb Exchange ad AMEX nel 1953.
  • Ha smesso di offrire opzioni binarie nel 2014 a causa di problemi normativi.

Cos'è l'American Stock Exchange (AMEX)?

AMEX è noto per lo scambio e il commercio di prodotti e asset introdotti sul mercato, come il mercato delle opzioni del 1975. Si tratta fondamentalmente di titoli di tipo derivato che agiscono come un contratto tra il detentore e il venditore in cui il detentore può acquistare o vendere il prodotto prima della data stabilita, se lo desidera.

L'AMEX è uno di quei mercati di opzioni che hanno effettivamente educato anche i propri clienti distribuendo materiale informativo per far crescere una clientela influente. La clientela o gli investitori sono stati informati di tutti i potenziali rischi in gioco insieme ai benefici che avrebbero ricevuto.

Alla fine sono diventati un informatore affidabile di aziende che non rientrano nei requisiti del NYSE. Ora, il NYSE funziona come un punto di scambio elettronico completo per le azioni a bassa capitalizzazione.

Storia dell'AMEX

Sapevi che AMEX è presente nel mercato commerciale dal 18° secolo? È iniziato quando il mercato si stava evolvendo e i broker si sono incontrati in un bar o in una caffetteria per scambiare i loro titoli. Allo stesso tempo, le persone apprezzavano il loro contributo e AMEX stava diventando popolare come New York Curb Exchange. 

I broker di Curbstone si trovavano comunemente nelle strade di New York, da cui il loro nome. Sono noti per il trading di azioni di società nuove sul mercato. Tali mercati includono petrolio, ferrovie e tessili, che avevano appena iniziato a radicarsi sul terreno.

Le pratiche commerciali durante questo periodo erano molto disorganizzate e non avevano regole e regolamenti stabiliti. Tuttavia, l'agenzia di mercato arrivò a stabilire alcuni regolamenti per tali pratiche commerciali entro l'anno 1908.

Il mercato di New York Curb si trasformò nel New York Curb Exchange nell'anno 1929, dove avevano un piano separato per il trading con linee guida adeguate. A poco a poco, le aziende hanno iniziato a prosperare attraverso il commercio di azioni e i loro valori sono aumentati di 2 volte i loro valori effettivi.

Infine, l'anno 1953 vide un cambiamento quando il New York Curb Exchange si rivolse all'American Stock Exchange. Anche i fondi comuni di investimento che ora riconosciamo pienamente erano noti come fondi negoziati in borsa (ETF), che possono tracciare il movimento di attività e indici.

La borsa valori americana o il NYSE American utilizza creatori di mercato in grado di garantire la liquidità insieme a un mercato organizzato in cui gli investitori possono negoziare in tutta sicurezza i titoli citati.

È possibile scambiare opzioni binarie sull'AMEX?

Nel 2014, la Borsa americana (AMEX) ha smesso di quotare o scambiare opzioni binarie. Spinti dalle preoccupazioni sulla mancanza di trasparenza, sulle potenziali frodi e sui problemi di protezione degli investitori legati al trading di opzioni binarie, diversi regolatori, come la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, sono intervenuti per limitare o vietare l’offerta di opzioni binarie agli investitori privati. Ciò ha portato molti scambi, incluso l’AMEX, a smettere di offrire opzioni binarie.

Il trading di opzioni binarie è legalmente consentito e possibile negli Stati Uniti, ma può essere negoziato solo su una borsa statunitense regolamentata. Questi sono i cosiddetti mercati contrattuali designati (DCM).

Negli Stati Uniti, attualmente ci sono solo tre DCM che offrono opzioni binarie: Cantor Exchange, Chicago Mercantile Exchange CME) e il North American Derivatives Exchange (NADEX).

Circa l'autore

Percival Knight
Percival Knight è un trader esperto di opzioni binarie da più di dieci anni. Principalmente, effettua operazioni di 60 secondi con un tasso di successo molto elevato. Le mie strategie preferite sono l'utilizzo di candelieri e falsi breakout

Scrivi un commento